bio

luis ferrari blanco autore del libro

luis ferrari blanco dopo la laurea in economia e commercio con specializzazione in marketing internazionale a parma, inizia la sua carriera lavorativa come direttore commerciale per un’azienda che produce capi da squash in tutto il mondo. un’esperienza fondamentale, che gli ha permesso di dirigere il lavoro di più persone, facendo sacrifici e crescendo esponenzialmente la sua capacità manageriale

capacità che sono state subito notate da una multinazionale spagnola CIRSA, leader nel settore del gaming, dove è stato scelto per espanderne il mercato in italia, forte anche del fatto di essere madrelingua spagnola.

resta in CIRSA per dodici anni e mezzo, insieme ad una squadra di 5 persone passando da capo filiale, area manager, a direttore espansione, fino ad arrivare al ruolo di vicedirettore generale, realizzando una carriera folgorante sia a livello nazionale sia internazionale.

come ogni leader, però, ad un certo punto ha sentito il bisogno di evolversi e cambiare.

luis blanco mezzo busto

capacità che sono state subito notate da una multinazionale spagnola CIRSA, leader nel settore del gaming, dove è stato scelto per espanderne il mercato in italia, forte anche del fatto di essere madrelingua spagnola.

resta in CIRSA per dodici anni e mezzo, insieme ad una squadra di 5 persone passando da capo filiale, area manager, a direttore espansione, fino ad arrivare al ruolo di vicedirettore generale, realizzando una carriera folgorante sia a livello nazionale sia internazionale.

come ogni leader, però, ad un certo punto ha sentito il bisogno di evolversi e cambiare.

primo piano luis biografia

dopo aver rifiutato il ruolo di country manager, realizzò di essere portato a creare e crescere impresa e persone, nel motivarle ad un progetto. a quel punto decide di iniziare la carriera di consulente organizzativo.

evolve prima in area manager e poi in socio aziendale. dopo aver costruito una squadra di sette persone, comprese che avrebbe dovuto espandersi maggiormente, non fu compreso e decise così di intraprendere un percorso personale.

era così forte il legame con la sua squadra, che loro stessi gli chiesero di aprire una realtà imprenditoriale dove ci si potesse divertire, star bene, sognare, crescere, cambiare il mondo.

a quel punto dopo aver passato un mese in grecia, con il suo amico e futuro socio claudio baldassini, diede vita ad hengi.

nella sua filosofia, nella sua storia, nella sua cultura, grazie a quelle 7 persone, di cui 3 sono ancora in azienda, hengi è arrivata ad avere un enorme potenziale.
il suo sogno è di creare un approccio all’economia positivo, unico, tra imprenditori sia americani che asiatici, creare un pensiero libero di economia positiva che vada oltre le barriere e le consuetudini, persone diverse che pensano insieme ad un mondo migliore.

dopo aver rifiutato il ruolo di country manager, realizzò di essere portato a creare e crescere impresa e persone, nel motivarle ad un progetto. a quel punto decide di iniziare la carriera di consulente organizzativo.

evolve prima in area manager e poi in socio aziendale. dopo aver costruito una squadra di sette persone, comprese che avrebbe dovuto espandersi maggiormente, non fu compreso e decise così di intraprendere un percorso personale.

era così forte il legame con la sua squadra, che loro stessi gli chiesero di aprire una realtà imprenditoriale dove ci si potesse divertire, star bene, sognare, crescere, cambiare il mondo.

a quel punto dopo aver passato un mese in grecia, con il suo amico e futuro socio claudio baldassini, diede vita ad hengi.

leggere il procapitalismo significa ritrovarsi in un concetto di economia totalmente innovativo, che appartiene all’uomo da sempre.

per poter pensare di cambiare con i fatti qualcosa in maniera pacifica e collettiva, ripensando al concetto di capitalismo, dopo essere nato come idea illuminista, e vederlo non più come un ostacolo ma come una speranza di rinascita per questo pianeta, essendo ormai sobillato dalla mal comprensione della ricchezza a discapito del benessere collettivo.

mezzobusto luis biografia

leggere il procapitalismo significa ritrovarsi in un concetto di economia totalmente innovativo, che appartiene all’uomo da sempre.

per poter pensare di cambiare con i fatti qualcosa in maniera pacifica e collettiva, ripensando al concetto di capitalismo, dopo essere nato come idea illuminista, e vederlo non più come un ostacolo ma come una speranza di rinascita per questo pianeta, essendo ormai sobillato dalla mal comprensione della ricchezza a discapito del benessere collettivo.

il legame con il libro?

l’idea e la filosofia di hengi si sono trasformate poi in cultura, un’esperienza di cui vale la pena parlare, ed è importante diffondere questa nuova economia per e con gli altri, per poter aggiungere un’idea nuova, sul fatto che l’economia possa rinascere, possa essere positiva, se evolve i modelli macroeconomici/statalisti in microeconomia, cioè l’impresa.

gli imprenditori possono migliorare il mondo, migliorando lo stile di vita delle persone per le quali lavorano.

diventa quindi la base di partenza per ogni persona che vuol far si che l’impresa diventi un patrimonio collettivo di

felicità

libertà

prosperità

l’approccio analitico scientifico del libro permette ad ogni imprenditore e/o general manager di creare il confronto consapevole ed emotivo con la propria organizzazione.
il risultato è dare valore alle persone educandole a considerare il lavoro come un privilegio fantastico di utilità verso gli altri e di crescita motivante per se stessi.

leggerlo diventa una guida per la nuova generazione di leader che oggi vogliono andare oltre il prezzo, il prodotto, il servizio, le frontiere, i pregiudizi e soprattutto oltre il potere.

donare socialità ed economicità alla propria impresa, è la sfida che aspetta chi crede positivamente nel genere umano.